Translate

martedì 5 novembre 2013

Tintura con le galle!!




Oggi vi propongo un post che non vuole essere una lezione di tintura naturale, ma soltanto un racconto di semplici esperimenti di tintura casalinga!!
Ogni tentativo è fatto solo per la gioia di provare e poi raccontare, nulla di più che mostrare la nostra AquiLANA ed i colori che riesce a diventare con pochi passaggi!!
Si perché la tintura con le galle, come per il vino rosso, non ha bisogno di mordenzatura. E'una tintura diretta, sfrutta in questo caso i tannini, sostanze naturalmente contenute nelle galle che fissano il colore sulla lana...







Le galle sono delle escrescenze patologiche dovute a delle parassitosi. In Italia si trovano sulle querce.... Quindi sono andata alla ricerca di povere querce parassitate!!


 
Una volta bottinato una quantità ragionevole di galle, sono tornata a casa felice e rigenerata dalla spensierata passeggiata. Ho messo le galle in ammollo nell'acqua per una notte,  cercando prima di spezzettarle il più possibile (si può procedere dopo qualche ora di ammollo ad una seconda triturazione....). Passata la nottata, ho preparato il decotto. Ho lasciato che le galle sobbollissero per un paio d'ore, rilasciando così il massimo del loro colore!!
 
 


Nel frattempo ho sistemato la lana in matassa in ammollo nell'acqua per 20 minuti prima di iniziare a tingere. Questo processo favorisce la miglior penetrazione del colorante nella lana.


Dopo questo piccolo passaggio, ho filtrato il decotto di galle, ho immerso le matasse di lana nel filtrato ottenuto e ho lasciato sobbollire il tutto per un'oretta abbondante.



Non bisogna agitare, ne mescolare, è importante solo che la lana rimanga coperta dal liquido. Una volta terminata la "cottura", il tutto va lasciato raffreddare a temperatura ambiente, bisogna armarsi di tanta pazienza!! Raffreddata la lana può essere risciacquata e messa ad asciugare.









Ed ho ottenuto così le prime 2 matasse........
di un verdone marrone.....












A queste matasse ne sono seguite molte altre... Mi sono accorta che il secondo bagno di galle, tinge la lana in maniera più scura, ho ottenuto così 2 bei marroni cioccolata!!!



E poi mi sono anche accorta che con 100 gr di galle secche possiamo tingere moltissime matasse... Mi sono divertita a fare degli sfumati, ho ottenuto così degli sfumati bianchi ed altri invece con il vino rosso..... E vederle tutte insieme è stata davvero una bella soddisfazione!!!




Ora mi farà piacere se chiunque abbia più conoscenza di me in materia, aggiungesse qualcosa, che sia di confronto e costruttivo, per aumentare le conoscenze o semplicemente condividere le proprie esprienze...  In passato parlando di tintura naturale, mi sono sempre imbattuta in soggetti baldanzosi dalle ferventi ire....... Non mi farà piacere, riaverli di nuovo ospiti in "casa mia" con gli stessi modi scortesi che hanno avuto in passato!!
Per il resto buona tintura a tutti amici!!!!


16 commenti:

  1. Molto belle!!! Abbiamo avuto lo stesso pensiero!!! Ma io mi sono "compenetrata" nella tintura de alcune mattasse con colori alimentare. Apena saranno pronte te li farò vedere. Un abbraccio Valeria!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvina!! Allora aspetto di vedere anche le tue..... Saranno di sicuro molto originali!! Ti abbraccio e spero di incontrarti di nuovo e magari senza pioggia!!!

      Elimina
  2. Io sto tingendo con malli di noce e l'effetto finale è simile. Di prassi fisso in acqua e aceto anche per dare morbidezza alla lana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non fisso mai per le tinture dirette (evito un passaggio ed i maggior costi da sostenere). Diversamente per i colori che hanno bisogno del mordente, finora ho usato solo l'allume di potassio....

      Elimina
  3. Oh che cesta di meraviglie future!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una matassa si è trasformata in delle spendide pecorelle, una in un cappello... Le altre attendono!!!

      Elimina
  4. Che bei colori hai ottenuto! Anch'io faccio spesso esperimenti di tintura e mi piace tantissimo perchè ogni volta il risultato è una sorpresa. Di solito per la mordenzatura uso l'aceto, in che proporzioni utilizzi l'allume di potassio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!! E grazie!! Per ora ho tinto solo con la camomilla del tintore per ottenere il giallo ed ho usato l'allume al 20% del peso asciutto della lana... In un prossimo post racconto meglio....

      Elimina
  5. ciao! hai una boutique on line? vorrei vedere i colori, i prezzi..e poi decidere :) grazie!
    silvia
    http://elfodelmareit.weebly.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non abbiamo nessuna boutique online!! Per qualsiasi info puoi scrivere a lanaquilana@gmail.com Grazie!!

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao
      Quindi con 100 gr di galle (fresche o essiccate?) quanta lana hai tinto alla fine?

      Elimina
    2. Ciao!! 100 gr di galle secche (essiccate) per 4 matasse monocolore (da 100gr) e 4 matasse sfumate (sempre da 100 gr), e secondo me avrei potuto continuare a sfruttare il decotto......

      Elimina
  7. Accidenti allora devo ricredermi: io consigliavo di usare le galle in rapporto 1:1! Grazie del suggerimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho impiegato un po' per capire chi fossi!! Sono sicura che potrai chiedere a chi è davvero esperto.... Ti ringrazio per essere passato di qui!! Ti auguro un buon lavoro ed una buona vita!!

      Elimina
  8. mi tocchera` cercare delle querce con le galle per provare a tingere il cotone :)

    RispondiElimina